fbpx

Arcigay Salento

Striscioni esposti all'ingresso dell'Istituto Alberghiero di Brindisi

Brindisi, iniziativa degli studenti contro l’omofobia

Nella giornata di ieri sulle mura e sulle scale esterne dell’Istituto Alberghiero di Brindisi sono comparse scritte omofobe nei confronti di un ragazzino minorenne, con tanto di nome e cognome. Le scritte omofobe sono state fatte rimuovere immediatamente dal dirigente scolastico Vincenzo Antonio Micia.

Gli altri studenti dell’istituto non sono però rimasti in silenzio: hanno deciso di reagire fermamente a questo grave episodio di bullismo e hanno organizzato una manifestazione spontanea fuori dall’istituto, esponendo decine di striscioni di solidarietà con
l’hashtag #SiamoTuttiFroci. Alla manifestazione, nel cortile dell’istituto, hanno partecipato anche i docenti e ragazzi delle altre scuole superiori della città.

Questa mattina durante la manifestazione è intervenuto anche il ragazzo vittima degli insulti. Parlando ai suoi coetanei, pubblicamente, ha detto: «Io sono fortunato, ho accanto la mia famiglia e i miei amici, oggi la vostra vicinanza mi fa sentire più forte in questo mio percorso di vita».

Per i rappresentati degli studenti dell’Alberghiero di Brindisi e Carovigno, questo episodio «testimonia quanto siano ancora radicate, proprio tra noi giovani, l’ignoranza, la paura del diverso e l’intolleranza. Gli autori di queste scritte possono idealmente essere associati a quell’esercito di balordi e criminali che picchiano i barboni, insultano i migranti, violentano le donne. Vorremmo poter fare qualcosa per questi poveri di spirito, loro sì deviati e pericolosi, forse poco amati, certamente trascurati e male educati, ridotti ad essere mine vaganti che tentano di darsi un’identità attraverso atti di bullismo». «Questa scuola – ha concluso il preside Micia – costruisce ponti e non permetterà l’omofobia».

Un’iniziativa semplice ma di grande efficacia che siamo felici arrivi dai cuori dei più giovani, la nostra speranza per un futuro migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.