fbpx

Arcigay Salento

29/30/31 marzo: Non Una di Meno organizza Verona Città Transfemminista

Non Una di Meno contro il Congresso Mondiale delle Famiglie

Non Una di Meno, rete transfemminista estesa su tutto il territorio italiano, si schiera apertamente contro il Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona.

La città del ministro Fontana si conferma essere la culla della destra radicale, integralista, misogina e transomofobica italiana. Già in passato il Consiglio Comunale ha approvato la mozione “Verona Città a favore della Vita”, che finanzia associazioni legate ai movimenti antiabortisti.

Il manifesto del congresso promuove un’idea di famiglia composta esclusivamente da madre, padre e figli biologici. Auspica l’introduzione di leggi volte a negare i diritti di chi non è incluso in questa visione rigidamente patriarcale ed eteronormativa della società. Paragona l’omosessualità ad una “peste contaggiosa”.

Non Una di Meno entra in scena in questo desolato clima di arretratezza mentale e culturale convocando la mobilitazione Verona Città Transfemminista. Contestualmente alle date del Congresso Mondiale delle Famiglie, si parlarerà di diritti delle donne e delle persone LGBTI. Infine, il 30 marzo, si terrà un corteo in chiusura della mobilitazione insieme a numerose associazioni e gruppi della società civile di tutta Italia.

Rendiamo Verona una città unita contro l’odio e per i diritti delle donne, delle persone omosessuali, transessuali, di tutte e di tutti.

2 commenti su “Non Una di Meno contro il Congresso Mondiale delle Famiglie”

  1. Pingback: Verona, società civile contro il Congresso delle Famiglie • Arcigay Salento

  2. Pingback: Verona, 20 mila manifestanti al corteo • Arcigay Salento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.